Via Del Prione 190
La Spezia

Contattaci
+39 3483459068
astropl@virgilio.it

Quando e perché affidarsi a un Ingegnere Naturalistico

La figura professionale dell’Ingegnere Naturalistico

Le vicende ambientali degli ultimi anni, caratterizzate fin troppo spesso da disastri ecologici che costringono la società a riconsiderare attentamente le scelte di produzione industriale, hanno rappresentato un terreno fertile per l’affermazione d’importanti figure professionali specializzate in tutela o gestione dell’ambiente.

Tra queste compare quella dell’Ingegnere Naturalistico, il quale può essere semplicemente descritto come un esperto in progettazione del territorio, nel cui ambito rientra il corretto utilizzo dei materiali presenti in natura per la consolidazione del terreno e la sistemazione idrogeologica.

Pertanto, chi possiede le qualifiche per operare in tale settore è in grado d’integrare diverse discipline scientifiche, spaziando agevolmente dalla topografia alla botanica e fornendo soluzioni tecniche ideali per coloro che lavorano in campo agricolo o che hanno intenzione di costruire un giardino privato.

Contenimento giardini: la pendenza del terreno

Quando decidiamo di realizzare il giardino dei nostri sogni dobbiamo valutare bene una serie di fattori legati al contesto specifico, che può presentare una serie di complicazioni connesse alle caratteristiche peculiari del terreno, prima fra tutte il grado di pendenza del suolo prescelto.

Di fronte a una pendenza piuttosto marcata, è il caso di rivolgersi a uno specialista in contenimento, vale a dire l’insieme delle tecniche pensate per eliminare i dislivelli superficiali e volte a creare un piano uniforme su cui iniziare a piantare.

Le pareti di sostegno previste dalla metodologia del contenimento svolgono un’altra importante funzione tutt’altro che irrilevante: quella d’impedire all’acqua piovana di erodere il terreno, permettendo così alle piante di crescere nel migliore dei modi. La realizzazione di queste “pareti” può spesso essere supportata dalla natura stessa: esse, infatti, non vanno pensate come costruzioni invasive o murarie ma come installazioni mirate di terra, piante e arbusti anti-smottamento.

Soluzioni naturali

L’Ingegnere Naturalistico può risolvere diversi problemi associati al mantenimento o alla realizzazione da zero di un giardino. Il vero vantaggio offerto da uno specialista del genere è però costituito dalla sua capacità di proporre soluzioni che implicano l’impiego di materiali completamente naturali.

Sempre rifacendoci all’esempio precedente: il contenimento del giardino implica, per esempio, la costruzione di palificate graticciate e viminate vive per sostenere i bordi di terreni scoscesi. Allo scopo si possono utilizzare, per esempio, i tronchi di castagno: una risorsa naturale che, grazie a resistenza, elasticità e tenuta del terreno assicurano sostegni ecologici e solidi.

Non è un caso che i tratti distintivi del castagno lo abbiano reso l’opzione più scelta come sostegno della vite, tanto che il suo utilizzo nell’ambito della viticoltura risale all’era di popolazioni molto distanti rispetto alla nostra epoca storica.

Per concludere: il ruolo dell’Ingegnere Naturalistico diventa fondamentale nel momento in cui bisogna realizzare anche semplicemente un piccolo orticello. Rappresenta una figura versatile, applicabile a numerosi contesti, innovativa e interessante: non ignoratene l’importanza!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Altri articoli

Le piante anti-zanzare facili da coltivare

Quando le prime ondate di caldo cominciano a farsi sentire, anche le zanzare tentano instancabilmente di fare irruzione nelle case, provocando reazioni